A Boscacci e De Silvestro il Lunagaro al Brocon

41
Lunagaro: il podio senior (foto Ugo Merlo)
Lunagaro: il podio senior (foto Ugo Merlo)

Clima di festa al Lunagaro, la notturna che ha visto protagonisti tra i senior uomini Michele Boscacci, valtellinese del Centro Sportivo Esercito vincitore in 55’42” e la sua fidanzata dominatrice della gara femminile, pure lei Esercito, la veneta Alba De Silvestro prima tra le donne in 1h8’21”.

La competizione organizzata dallo Ski Team Lagorai Tesino al Passo del Brocon, su tracciati diversi in base alle categorie in programma aveva anche il compito di assegnare i titoli trentini individuali di tutte le categorie. Così fra i senior la medaglia d’oro è andata al collo del molvenese del Brenta Team Chicco Nicolini, secondo assoluto in 58’42”. 

La vincitrice Alba De Silvestro (foto Ugo merlo)
La vincitrice Alba De Silvestro (foto Ugo merlo)

Tre le senior la campionessa trentina è Sabrina Malacarne, del Valle dei Laghi, in 1h21’45”, quindi nella under 23 primo è il noneso Gabriele Leonardi, del Brenta Team, che ha vinto la sua categoria e si è piazzato quinto assoluto  con il tempo di 1h2’53” e al femminile la valsuganotta del Brenta Team Valeria Pasquazzo, al traguardo del Passo del Brocon in 1h18’35” e seconda assoluta. Tra le junior vittoria e titolo di campionessa trentina per la solandra Lisa Moreschini del Monte Giner, che ha dominato la gara fermando il cronometro sul tempo di 51’9”, quindi al maschile successo per Simone Cainelli del Brenta Team, nella gara vinta dal veneto Matteo Sostizzo. Per quanto riguarda i cadetti affermazione per Christian Peroceschi del Brenta Team, giunto quarto assoluto nella gara vinta dal veneto del Valdobbiadene Hermann Debertolis. Fra le cadette la medaglia di campionessa provinciale se l’è aggiudicata Giorgia Carolli del Brenta Team.  Infine fra i master affermazioni per Ivan Antiga.

Sin dalle prima battute di una gara che presentava, per i senior un tracciato con 1160 metri di dislivello ed uno sviluppo di 13 chilometri, con 5 salite e 9 cambi pelli, per le categorie giovanili sviluppo e dislivello minori, il lombardo della nazionale Michele Boscacci ha fatto capire le sue intenzioni. Il molvenese Chicco Nicolini ha tenuto per un po’ le code dell’amico di nazionale, poi lo ha lasciato prendere il largo mantenendo la seconda posizione, che gli ha permesso di laurearsi Campione trentino. 

Nella gara femminile non c’è stata storia e la De Silvestro ha fatto gara in solitaria, mentre nella under 23 ottima la prova di Gabriele Leonardi (quinto assoluto) e di Valeria Pasquazzo, capace di portare a termine una gara di qualità.

Scendendo fra le cadette è giunta la vittoria di Irina Rigoni di Asiago al traguardo seconda, ma dichiarata vincitrice per la penalizzazione per una irregolarità di Cristina Maniago. Nei cadetti uomini bella prova di Hermann Debertolis, il primierotto che gareggia per lo sci club Valdobbiadene, che ha preceduto tre suoi compagni di squadra. 

Fra gli junior Matteo Sostizzo ha dominato con autorevolezza, così come Lisa Moreschini capace di vincere con un margine di 14 minuti sulla seconda, Margherita Hofer. Alla gara su di un percorso ridotto hanno preso parte anche i giovanissimi, in una sfida promozionale visto che la società organizzatrice sta impostando un interessante lavoro con i più piccoli.