Aggiornate le carte della pericolosità del Trentino

Carte della pericolosità: una foto della tragedia di Stava (foto archivio Ufficio stampa PAT)
Carte della pericolosità: una foto della tragedia di Stava (foto archivio Ufficio stampa PAT)

La Giunta della Provincia autonoma di Trento, dopo un lungo lavoro di elaborazione iniziato nel 2006, ha adottato in via preliminare le delibere per la modifica dei criteri, della metodologia e delle disposizioni tecniche con cui vengono redatte le carte della pericolosità, previste dalla legge provinciale in materia di protezione civile.

Nei documenti vengono rivisti alcuni criteri nell’ambito dei temi di natura geologica, con particolare riguardo alla classificazione della pericolosità delle frane per le quali non è determinabile con certezza il grado di attività. Viene introdotta, inoltre, la possibilità di classificare la pericolosità delle aree di deformazione delle frane utilizzando le medesime classi previste per la classificazione della pericolosità del fenomeno di appartenenza. Infine, nel tema delle caratteristiche lito-geomorfologiche sono state riviste le pericolosità di alcune classi litotecniche, in presenza di determinati valori di pendenza del versante.