Biancone, il cacciatore di serpenti

In questa immagine unbiancone conosciuto come l'aquila dei serpenti (foto Jacopo Rigotti)
Il biancone conosciuto come l'aquila dei serpenti (foto Jacopo Rigotti)

Questa mattina torna a dare il buongiorno l’affascinante Biancone, conosciuto anche come “il cacciatore di serpenti” o “l’aquila dei serpenti”, qui ritratto da Jacopo Rigotti. Questo uccello migratore, che sverna in Africa, più grande di una poiana e simile come struttura a un’aquila, è un formidabile cacciatore di rettili, soprattutto serpenti e in misura minore lucertole, riuscendo a catturarne alcune centinaia in una stagione. Individuata la preda, la sua tecnica di caccia è di circondare e disorientare la vittima sbattendo le ali, finendola poi con il becco dopo averla immobilizzata con le zampe ricoperte da dure scaglie, simili a una sorta di armatura per proteggere da possibili morsi.

Il Biancone è conosciuto per essere un abile cacciatore di serpenti (foto Jacopo Rigotti)
Il Biancone è conosciuto per essere un abile cacciatore di serpenti (foto Jacopo Rigotti)

Il suo nome comune, biancone, (quello scientifico è Circaetus gallicus) è dato dalla colorazione chiara, quasi bianca, con screziature brune, della parte inferiore del corpo. I piccoli hanno anche la testa bianca. E proprio la testa un’altra caratteristica di questi rapaci appartenenti alla famiglia degli Accipitridi: è grande e di forma tondeggiante, con due grandi occhi gialli, tipici dei rapaci notturni.

Il biancone ha la parte del corpo chiara. I piccoli hanno anche la testa bianca (foto Jacopo Rigotti)
Il biancone ha la parte inferiore del corpo chiara. I piccoli hanno anche la testa bianca (foto Jacopo Rigotti)