Caccia: novità in Trentino

540
In questa immagine un cacciatore
Caccia: la giunta provinciale ha approvato un disegno di legge che introduce importanti novità

Abolito il Comitato faunistico provinciale e inasprite le sanzioni per le violazioni in materia di caccia

La giunta della Provincia autonoma di Trento ha approvato un disegno di legge che cambia radicalmente l’attuale disciplina amministrativa in materia di caccia (L.P. 24 maggio 1991, n. 24):  le novità più importanti riguardano l’abolizione del Comitato faunistico provinciale, con il passaggio delle relative competenze all’Osservatorio faunistico, l’inasprimento dell’impianto sanzionatorio e la semplificazione del regolamento riferito agli organi di gestione amministrativa della materia venatoria.
“Il disegno di legge – riferisce una nota della Provincia – intende aggiornare l’impianto sanzionatorio provinciale vigente che risale ancora all’entrata in vigore della legge del ‘91 (L.P. 24 maggio 1991, n. 24) e da allora mai modificato. La giunta provinciale, attraverso un regolamento di semplificazione, ha introdotto delle importanti modifiche che riguardano i soggetti competenti all’approvazione dei diversi strumenti di gestione della caccia.
L’abolizione del Comitato faunistico provinciale

La giunta provinciale ha previsto la soppressione del comitato faunistico provinciale, istituendo, allo stesso tempo un tavolo faunistico provinciale. Il tavolo, secondo la nota diffusa dalla Provincia, è stato istituito “per assicurare l’informazione, la partecipazione e il raccordo tra la Provincia e i soggetti coinvolti nei vari aspetti della gestione faunistica, anche ai fini della programmazione delle iniziative e degli interventi per la tutela del patrimonio faunistico e per l’esercizio della caccia”.

Questo decisione, secondo quanto spiegato dalla Provincia, s’inquadra nell’ambito delle iniziative finalizzate a semplificare l’adozione dei provvedimenti, perseguendo l’obiettivo di razionalizzazione e contenimento delle spese della Provincia già delineato nell’articolo 4 della legge provinciale 27 dicembre 2010, n. 27 con riferimento agli organi collegiali di amministrazione attiva; inoltre ha l’obiettivo di migliorare, adeguare e innovare il ruolo di partecipazione e di supporto alle decisioni amministrative dei differenti portatori di interesse in un ambito così importante quale è quello della gestione venatoria.

Le competenze del comitato faunistico provinciale passano all’osservatorio faunistico provinciale, alla giunta provinciale e alla struttura competente in materia di fauna selvatica, a seconda della rilevanza e della valenza del provvedimento stesso. “Ad esempio, spiega ancora la nota della provincia, l’espressione dei pareri è trasferita in capo all’osservatorio faunistico provinciale, organo di consulenza tecnico-scientifica della Provincia in materia di tutela della fauna, opportunamente ridefinito nella composizione, l’approvazione delle prescrizioni tecniche per la caccia alla giunta provinciale mentre l’approvazione dei programmi di prelievo, unitamente ad una serie di autorizzazioni aventi una natura prettamente tecnica, viene affidata alla struttura competente in materia di fauna selvatica, sentito il parere dell’osservatorio”.

Che cos’è il Comitato faunistico provinciale

È un organo tecnico-consultivo della Provincia per la tutela della fauna e l’esercizio della caccia previsto dalla legge provinciale sulla fauna selvatica. Fanno parte, oltre all’assessore provinciale competente, i dirigenti dei Servizi provinciali di foreste e fauna, agricoltura, aree protette e sviluppo sostenibile, esperti in discipline naturalistiche, rappresentanti dell’Enci, del Consorzio dei Comuni trentini, Coldiretti, Confagricoltura, Lipu, Wwf, an-Eppaa, Legambiente, esiti caccia, Associazione cacciatori.

Che cos’è l’Osservatorio faunistico

È un organo di consulenza tecnico-scientifica della Provincia con il compito di ricercare e indagare, in modo sistematico e permanente, le dinamiche in atto nell’ambiente naturale, con particolare riferimento alla fauna selvatica, mediante l’elaborazione dei dati relativi, nonché di esprimere pareri tecnici nei casi previsti dalla legge provinciale sulla fauna selvatica (art. 13) e su ogni altra questione inerente la tutela della fauna che gli sia sottoposta dalla Giunta provinciale o dal comitato faunistico provinciale. È costituito, rispettivamente, da un rappresentante del Servizio foreste e fauna, del Muse, dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie – Sezione di Trento, dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale e da esperti in materia.

L’inasprimento delle norme

Il disegno di legge ridefinisce gli importi delle sanzioni amministrative pecuniarie convertendo in euro i relativi importi, con una maggiorazione di circa il 20%.

La proposta di legge introduce poi una seconda sostanziale modifica all’impianto delle sanzioni, prevedendo una puntuale disciplina della sospensione del permesso annuale di caccia o del permesso d’ospite annuale che si accompagna in automatico alle sanzioni penali ed amministrative. Si prevede, infatti, che la sospensione del permesso annuale di caccia e del permesso d’ospite, fino ad oggi disposta discrezionalmente entro il limite temporale massimo di tre anni, si applichi in misura predeterminata ad una serie prefissata di violazioni commesse nell’esercizio della caccia, riducendo il carico amministrativo ed eliminando il contenzioso dinanzi alla giunta provinciale. “In tal modo, spiega la nota della Provincia, saranno sanzionate con la sospensione del permesso annuale di caccia e del permesso d’ospite, anche fino a 5 anni, le violazioni più significative e più gravi che possono essere commesse nell’esercizio dell’attività venatoria, come le sanzioni penali e le sanzioni amministrative più importanti (a titolo di esempio, la caccia in periodo di divieto, con mezzi vietati, a specie protette, in luoghi ove la caccia è vietata, l’uccellagione, la caccia senza polizza di assicurazione, la caccia in violazione degli orari consentiti, la caccia in violazione alle prescrizioni tecniche per omissione della denuncia di abbattimento, della denuncia di uscita o in violazione della disciplina di accompagnamento). Per contro, la previsione della sospensione viene soppressa, rispetto alla disciplina vigente, relativamente a violazioni di minor impatto e aventi più che altro carattere formale. Va poi ricordato che, unicamente per le tipologie di violazione più gravi che determinano un danno per il patrimonio faunistico e per la comunità, con questa proposta la giunta provinciale introduce il raddoppio del periodo di sospensione del permesso in caso di recidiva entro i cinque anni dalla prima violazione (con elevazione del periodo massimo potenziale di sospensione a 10 anni)”.