martedì, 15 Giugno 2021
Home Natura Piante

Piante

Le piante, esseri viventi intelligenti e sensibili

In questa sezione del sito parliamo delle piante alpine, come gli alberi che popolano i boschi di montagna, cercando di scoprire i lati segreti e sorprendenti di questi esseri viventi, per molti aspetti ancora sconosciuti.

Ma trattiamo anche delle problematiche legate agli habitat di numerose specie vegetali che stanno scomparendo a causa dell’innalzamento globale delle temperature.


Primula odorosa (foto Matteo Trentin)

Primula odorosa: profumo di primavera

Appartenente alla Famiglia delle Primulacee, il fiore è profumato e dal colore giallo intenso, con punte arancioni.

Il letargo degli alberi

Ma come fanno gli alberi in montagna a resistere ai rigori dell'inverno? Ogni specie ha sviluppato una personale strategia di sopravvivenza. Vi spieghiamo quali.
21 marzo "Giornata mondiale delle foreste"

Foreste: un bene che protegge dai virus

Oggi, 21 marzo, si celebra la "Giornata mondiale delle Foreste", un bene prezioso e fondamentale per la nostra vita, ma purtroppo sempre...

Raponzolo di roccia, il fiore alpino dai “capelli lunghi”

La dispersione dei semi avviene tramite il vento (essendo molto piccoli e leggeri) o grazie al trasporto degli insetti.
Serata al MUSE: tra i protagonisti il Maestro Vessicchio (foto Anna Molinari)

Evento al MUSE: La musica fa crescere i pomodori!

L'evento organizzato in occasione della "Giornata nazionale per la Biodiversità di interesse agricolo e alimentare".
Tarassaco (foto Alessandro Graziadei)

Il seme del tarassaco: un capolavoro aerodinamico 

Il seme del tarassaco ha ispirato un modello matematico che descrive come si generano forze capaci di garantire voli a lunga traiettoria. 
Ochiedee in mostra al MUSE

Le straordinarie strategie delle orchidee per attrarre gli insetti

Al Muse successo per la mostra sulle orchidee, piante che popolano anche i prati aridi del Trentino.
Il Bletterbach Dolomiti UNESCO (foto Andreas Tamanini, archivio Fondazione Dolomiti UNESCO)

Eccezionale scoperta sulle piante di 252 milioni di anni fa

Nell'estinzione di massa del Permiano e Triassico scomparirono gli animali, non le piante. A rivelarlo una ricerca condotta nelle Dolomiti.
I fiori di campanellino ricordano le campanelle (foto Matteo Trentin)

Il campanellino che annuncia la primavera

Questo fiore somiglia per certi aspetti al bucaneve con il quale si differenzia per i tepali.

Erica carnea, il fiore a forma di botte

Tipica delle Alpi, cresce anche sugli Appennini settentrionali e le Alpi Apuane, raggiungendo anche la quota di 2500 m s.l.m.  Si tratta di una pianta mielifera.
Latrea comune (foto Matteo Trentin)

Latrea comune: la parassita del bosco senza clorofilla

Totalmente parassita, non ha né clorofilla, né foglie e per sopravvivere sfrutta le radici di altre piante, assorbendone i nutrienti
In questa immagine un'anemone nemorosa (foto Matteo Trentin)

L’Anemone dei boschi: il fiore del vento

La sera o quando piove, la pianta inclina verso terra i suoi fiori, con i petali che si avvicinano tra loro per proteggere gli stami e i pistilli.
Le foglie dell'acacia (foto Jacopo Rigotti)

Acacia: la pianta con le foglioline aperte di giorno, sovrapposte di notte

Pianta forte e resistente, cresce velocemente e spesso va alla conquista di terreni giovani, anche poco profondi e poveri di sostanze nutritive.

Le peonie selvatiche di Fai della Paganella

I petali delle peonie selvatiche, a seconda della luce, possono apparire morbidi come il velluto o delicati come la seta. La fioritura dura solo qualche...

CURIOSITA'

Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico.
In particolare l'analisi del traffico viene effettuata attraverso l'invio di dati anonimizzati a Google Analytics
Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo.
Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento ma disattivandoli alcuni servizi potrebbero non funzionare.
Maggiori informazioni su Privacy e Cookies

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi