Costa al Consiglio ambiente: Commissione sviluppi piano d’azione su Pfas

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa è intervenuto il 26 giugno a Lussemburgo al Consiglio dei ministri dell’ambiente Ue durante il quale è stata adottata la Strategia dell’Unione europea per una politica sostenibile sulle sostanze chimiche ed è stata esaminata la proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sulle prescrizioni minime per il riutilizzo dell’acqua.

“Riteniamo di fondamentale importanza – ha affermato il ministro nel suo intervento – promuovere azioni per valutare gli effetti dei farmaci nell’ambiente e affrontare l’inquinamento che ne deriva. E’ necessario completare, entro il 2020, l’elenco delle sostanze estremamente preoccupanti (SVHC), rafforzando il ruolo dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche”.

“Esprimiamo convinto apprezzamento – ha proseguito – per l’inserimento di un paragrafo specifico sulle preoccupazioni derivanti dall’esposizione ai composti fluorurati (Pfas), con l’invito alla Commissione a sviluppare un piano d’azione in materia. Un tema che stiamo affrontando sia in Italia, con un tavolo al quale abbiamo affidato il compito di individuare un percorso per portare a zero i limiti di queste sostanze nocive, sia a livello europeo, con la nostra proposta di individuare, all’interno della revisione della direttiva sulle acque potabili, valori molto rigorosi, oltre che per i Pfas totali, anche per il Pfos e i Pfoa”.

Per quanto riguarda la proposta di regolamento sul riutilizzo dell’acqua, l’Italia, tramite il ministro, ha confermato un approccio generale favorevole al testo predisposto dalla Presidenza. “Abbiamo istituito a livello nazionale – ha osservato Costa –la figura del Commissario unico per la depurazione, le cui competenze sono state ulteriormente ampliate con una norma recentemente inserita nel decreto ‘Sblocca Cantieri’. Tuttavia l’Italia, pur supportando il testo della Presidenza, ribadisce la propria contrarietà di principio all’inserimento di un ‘opt-out’, in base al quale uno Stato membro può decidere di non ricorrere al riutilizzo, limitando in questo modo la potenzialità di una misura che il regolamento stesso dovrebbe invece incentivare”.

A margine del Consiglio, il ministro Costa ha partecipato all’incontro informale dei Paesi europei del Mediterraneo in preparazione della Cop21 della Convenzione di Barcellona che l’Italia ospiterà a Napoli a fine anno. Un impegno preciso per la tutela del mare con l’obiettivo di creare un’area a emissioni controllate di zolfo nel Mare Nostrum.

Inoltre ha incontrato il Commissario europeo all’Ambiente Karmenu Vella per un breve confronto sulle procedure d’infrazione che riguardano il nostro Paese e ha avuto una breve bilaterale con l’omologo sloveno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi