L'assegno per #SOSerrai

Donazione di 1.900 euro dai rifugisti per #SOSerrai

In occasione della fiera Dolomiti Show, che si è svolta a Longarone, il presidente della Fondazione Dolomiti UNESCO, Mario Tonina, accompagnato dal direttore, Marcella Morandini, ha ritirato un assegno di 1.961,22 che i rifugisti, attraverso l’associazione MICROART, hanno donato a sostegno dell’iniziativa raccolta fondi promossa dalla Fondazione Dolomiti #SOSerrai per contribuire al progetto di recupero dei Serrai di Sottoguda, devastati dalla tempesta Vaia dell’ottobre dello scorso anno.

«La solidarietà prevale su tutto” – ha detto il presidente della Fondazione Dolomiti UNESCO -. Un grande grazie a tutti i volontari che hanno lavorato, sappiamo che il volontariato fa sempre la differenza. Questi fondi che si stanno raccogliendo saranno ben impiegati».

Al gesto di solidarietà hanno contribuito tra gli altri i gestori dei rifugi Città di Fiume, Treviso Canali e Falier. È stata la Fondazione Dolomiti UNESCO al fianco di CAI Veneto, CAI sezione di Cimolais, CAI sezione di Pordenone, SAT Primiero e Associazione Gestori di Rifugio della Regione Veneto a patrocinare l’iniziativa ideata dall’associazione MICROART.

“Mi auguro – ha detto il presidente Tonina facendo riferimento al primo bilancio sulla campagna di raccolta fondi #SOSerrai (in corso fino a fine 2019, le donazioni hanno raggiunto circa la metà dell’obiettivo 1 milione di euro) – che per completare la sfida tutti possano ancora contribuire a partire dalle istituzioni, dalle aziende e dal singolo cittadino. La Fondazione Dolomiti UNESCO auspica che altre realtà seguano l’esempio di MICROART”.

 

#SOSerrai – cos’è

Il Consiglio d’Amministrazione della Fondazione Dolomiti UNESCO a seguito della tempesta Vaia ha scelto all’unanimità di contribuire al ripristino di uno dei luoghi simboli delle Dolomiti: i Serrai di Sottoguda ai piedi della Regina delle Dolomiti la Marmolada. Si tratta di un luogo che racconta la storia delle Dolomiti, un luogo di sublime bellezza, un bene comune che riassume la storia geologica del nostro Pianeta, la più spettacolare porta d’accesso alla Marmolada, uno dei nove Sistemi del Patrimonio Dolomiti UNESCO. Il Consiglio d’Amministrazione della Fondazione ha deliberato di devolvere 200 mila euro a sostegno della progettazione di un percorso che possa diventare una buona pratica per l’adattamento ai cambiamenti climatici, accessibile a tutti, che valorizzi la storia delle Dolomiti e il loro eccezionale valore universale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.