“Giro ArtPinistico delle Niere”: la via ferrata con le sculture

Un sabato diverso, lontano dalla folla. Una giornata serena e spensierata. Noi di BuongiornoNatura  abbiamo deciso di affrontare una via ferrata molto particolare, mai impossibile, ma in alcuni tratti impegnativa e consigliata solo a chi è già esperto di progressione su questo tipo di terreno: il “Sentiero ArtPinistico delle Niere”. La sua peculiarità? Durante tutto il percorso si incontrano delle vere e proprie opere d’arte, sculture in legno e creazioni artistiche in ferro.

La via ferrata “Sentiero ArtPinistico delle Niere”
La via ferrata “Sentiero ArtPinistico delle Niere”: nella foto una scultura che s’incontra lungo il tragitto

La via ferrata si trova a Preore,  un paesino del Trentino nelle Valli Giudicarie, che incontriamo sulla strada che dalle Sarche porta a Madonna di Campiglio. Il parcheggio si trova poco fuori dalla località stessa.

Una piccola fonte ci permette di riempire d’acqua le borracce. Da subito indossiamo il casco, l’imbrago, il set da ferrata e gli scarponcini. La sicurezza è al primo posto. Inoltre nello zaino infiliamo una giacca a vento che potrebbe servirci in caso di pioggia. Di fronte a noi un settore della falesia che aggiriamo sulla destra risalendo una ripida scala costruita con degli scalini di legno. Questo il nostro approccio alla partenza. È infatti consigliato vivamente dalle Guide Alpine del posto percorrere il tracciato in senso antiorario.

Un passaggio della via ferrata “Sentiero ArtPinistico delle Niere”
Un passaggio della via ferrata “Sentiero ArtPinistico delle Niere”

Da subito affrontiamo una rampa verticale. Gli appigli sono ottimi così come il cordino d’acciaio che per tutto il percorso seguiremo assicurandoci a dovere onde evitare spiacevoli inconvenienti. Successivamente ci aspettano dei tratti di camminata nel bosco, la curiosa “scala nella roccia”, alcuni traversi attrezzati e dei punti panoramici dove riposare e ripararci dal sole. Infine un ritorno discretamente semplice che abbiamo affrontato con cautela. L’imprevisto in montagna è sempre dietro l’angolo soprattutto quando si è affaticati. A guidarci nel ritorno a valle delle tabelle indicative riportanti un bollino rosso. 

La “scala nella roccia” che s'incontra lungo la via ferrata di Preore
La “scala nella roccia” che s’incontra lungo la via ferrata di Preore

Lungo tutto il percorso durato all’incirca due ore e con un dislivello di 250 metri, abbiamo potuto ammirare  delle opere d’arte lignee o costruite con il ferro, a dir poco singolari e curiose, che ci hanno invitato a scattare qualche foto “artistica”. Nei punti panoramici di riposo inoltre la vista si è rivelata stupenda, con il fiume Sarca e Preore osservati dall’alto e una veduta che spaziava da Tione alla Val Rendena fino alle Dolomiti di Brenta. Un’emozione unica.

Una delle scultura che si può ammirare lungo la via ferrata
Una delle scultura del “Sentiero ArtPinistico delle Niere”.

 

Nella foto un'altra opera d'arte che s'incontra lungo la via ferrata
Un’altra opera d’arte che s’incontra lungo la via ferrata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi