Il campanellino che annuncia la primavera

848
I fiori di campanellino ricordano le campanelle (foto Matteo Trentin)
I fiori di campanellino ricordano le campanelle (foto Matteo Trentin)

Tra febbraio e marzo, nel sottobosco e lungo le rive dei ruscelli, quando la neve in montagna ormai sta per sciogliersi del tutto, fa la comparsa un delicato fiore bianco, con gli apici dei tepali macchiati di verde e giallo, dalla forma che ricorda una campanella: questo fiore che annuncia la primavera è chiamato proprio campanellino (il nome scientifico è Leucojum vernum) ritratto in queste foto da Matteo Trentin.

Un campanellino (foto Matteo Trentin)
Un campanellino (foto Matteo Trentin)

Si tratta di una pianta perenne, erbacea, dalle linee eleganti, in grado di dare vita a numerosi fiori a forma di campanelle (forma cosiddetta campanulata) che creano, nel bosco, dei veri e propri tappeti bianchi.  Il campanellino, specie velenosa (nel bulbo contiene un alcaloide che può indurre ad avvelenamenti di una certa gravità).

Il campanellino e il bucaneve non hanno la corolla (formata dai petali) e il calice (la parte verde del fiore) distinti, per cui questa parte del fiore, chiamata perianzio è denominata perigonio, con i petali e corolla chiamati tepali.

Bucaneve da non confondere con il Campanellino (foto Matteo Trentin)
Bucaneve, da non confondere con il Campanellino (foto Matteo Trentin)

Anche il bucaneve, pianta perenne ed erbacea, annuncia la primavera. Dalle proprietà medicinali, il fiore pendente del bucaneve ha i tepali esterni a forma di stella e quelli interni macchiati di verde.