Il leopardo delle nevi e il fototrappolaggio al Muse

71
Un leopardo delle nevi immortalato da una fotorappola (foto archivio Muse)
Un leopardo delle nevi immortalato da una fotorappola (foto archivio Muse)

Catturare le immagini più segrete e significative – quelle degli animali che si aggirano liberi nel loro ambiente naturale nelle ore notturne – è un’attività che offre numerosi spunti a ricercatori e appassionati di natura. Quelli realizzati mediante la tecnica del fototrappolaggio sono scatti affascinanti che svelano la presenza e le abitudini degli animali che vengono ritratti, offrendo al contempo a chi li realizza una miriade di informazioni utili al loro studio.

Questa tecnica e il suo utilizzo nel mondo sono stati al centro dell’appuntamento degli “Incontri al museo per parlare di fauna”, che si è svolto il 12 maggio, in diretta sul profilo Facebook del MUSE Museo delle Scienze di Trento. Relatori dell’incontro sono stati Francesco Rovero (UniFi e Muse) che ha parlato dellostato dell’arte del foto-trappolaggio e Valentina Oberosler (MUSE) che ha presentato uno specifico caso di studio focalizzato sul leopardo delle nevi in Mongolia.