“Il Mondo di Leonardo” a Palazzo delle Albere di Trento

270
"Il Mondo di Leonardo" in mostra a Palazzo delle Albere

Apre a Trento la mostra dedicata a Leonardo da Vinci, con alcune novità in anteprima assoluta. Una grande occasione per sfogliare i due principali codici leonardiani in versione digitale e interattiva: Il Codice Atlantico e il Codice del Volo. Per scoprire il funzionamento di invenzioni come la cordatrice, la filettatrice e il grande organo continuo. Ma anche per avventurarsi – attraverso postazioni interattive e ricostruzioni 3D – nei segreti di opere come L’Ultima Cena, La Dama con l’Ermellino e La Gioconda.

Dal 22 novembre 2019 al 23 febbraio 2020 approda a Palazzo delle Albere la mostra “Il Mondo di Leonardo: Codici interattivi, macchine e dipinti”, un innovativo percorso espositivo che conduce alla scoperta della poliedrica figura del grande genio nella sua essenza indissolubile di scienziato dell’arte e artista della scienza.

Esperienze multimediali, ricostruzioni inedite e postazioni interattive invitano il pubblico a interagire in prima persona con le macchine, le opere artistiche e i codici del Genio toscano: un appuntamento per chiunque sia interessato a scoprire Leonardo da Vinci, come mai visto prima, nel cinquecentesimo anniversario della sua morte.

La mostra è una realizzazione di Leonardo3 – Il Mondo di Leonardo, progetto ideato dal Centro studi Leonardo3 di Milano, attivo dal 2004 nello studio e nella divulgazione scientifica dell’opera di Leonardo da Vinci. Nel 2013 Leonardo3 apre le porte in piazza della Scala, diventando in poco tempo un museo de facto sul multiforme genio leonardesco, visitato ad oggi da oltre un milione di visitatori.

Nell’allestimento di Trento, realizzato grazie al sostegno di Provincia autonoma di Trento, Comune di Trento e MUSE – Museo delle Scienze, il pubblico potrà sfogliare i due principali codici leonardiani in versione integrale, digitale e interattiva: il Codice Atlantico e il Codice del Volo. Ma non solo: oltre a testi, manoscritti e altre fonti di studio, saranno consultabili i suoi disegni, che l’animazione 3D rende immediatamente chiari e godibili.

In mostra, anche due macchine in anteprima mondiale: la cordatrice e la filettatrice, due invenzioni – la prima progettata per intrecciare corde e funi in maniera più celere ed efficace, la seconda per fabbricare le viti – entrambe ancora perfettamente funzionanti.