Il Parco Naturale Adamello Brenta riconfermato “Unesco Global Geopark”

Cartellino “green” della Rete Globale dei Geoparchi UNESCO per il Parco Naturale Adamello Brenta che ottiene anche per i prossimi quattro anni il riconoscimento di Geoparco.

Grazie all’elevatissima geodiversità che si riscontra dalle Dolomiti di Brenta al Gruppo Adamello – Presanella e all’offerta di turismo sostenibile, il Parco Naturale Adamello Brenta si fregia di questa certificazione internazionale da undici anni. È stata, infatti, ottenuta in prima battuta il 26 giugno 2008, confermata nel 2012 e poi nel 2016. Nel 2015, durante la Conferenza di Parigi, il Geopark è anche divenuto programma Unesco, al pari del Patrimonio dell’Umanità e del Man and Biosphere. 

Nell’ultima verifica, tuttavia, è stato stato dato il via libera con un cartellino “giallo”, chiedendo all’Adamello Brenta ulteriori sforzi da compiere nei successivi due anni.

Parco Naturale Adamello Brenta: Casina di Brenta Alta e Crozzon di Brenta
Parco Naturale Adamello Brenta: Casina di Brenta Alta e Crozzon di Brenta

Lo scorso luglio la Rete ha inviato due ispettori per appurare se l’Adamello Brenta avesse rispettato le raccomandazioni: Manfred Kupetz, del Muskauer Faltenbogen UNESCO Global Geopark con sede a Döbern in Germania, e Richard Watson, del Marble Arch Caves UNESCO Global Geopark con sede a Enniskillen nell’Irlanda del Nord.

Nei tre giorni in Trentino, Kupetz e Watson hanno seguito un programma intenso che li ha portati a conoscere l’Adamello Brenta Geopark nei suoi 1.188 chilometri quadrati. Estensione che è doppia rispetto all’area parco dal momento che i confini del Geopark devono corrispondere per regolamento a quelli dei comuni interessati. 

Al fine di verificare le alleanze intrecciate per valorizzare il Geopark, gli ispettori hanno incontrato i rappresentanti dell’Apt Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena, delle Regole di Spinale e Manéz, dei Comuni di Pinzolo, di Tre Ville e di Ville d’Anaunia, del Servizio geologico della Provincia, del Muse, della Fondazione Dolomiti Unesco e della Fondazione Maria Pernici.

I visitatori Geopark in riunione con lo staff del Parco
I visitatori Geopark in riunione con lo staff del Parco

“Il riconoscimento del cartellino verde – ha commentato il Presidente del Geoparco, Joseph Masè – è una grandissima soddisfazione ed è il risultato di tanti sforzi compiuti sia dalla struttura sia dalla parte politica. Pochi mesi dopo la mia elezione, infatti, ci è stato convalidato il riconoscimento con il cartellino giallo e, quindi, per soli due anni. Unesco lamentava, per il periodo 2012-2016, uno scarso impegno e pochi contributi dell’Ente nella partecipazione ai lavori della rete mondiale. Ci siamo così rimboccati le maniche ed abbiamo lavorato sodo, ottemperando a tutte le raccomandazioni che ci erano state fatte, fornendo contributi alla rete mondiale e scambiando esperienze con gli altri Geoparchi. L’assunzione a tempo indeterminato della geologa vincitrice del concorso pubblico, che da svariati anni attendeva di entrare definitivamente nell’organico del Parco, e l’organizzazione della Conferenza mondiale di Campiglio hanno poi rappresentato la concreta volontà dell’Adamello Brenta di ritornare ad essere protagonista nel mondo dei Geoparchi Unesco.”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi