Maltempo: situazione sotto controllo in Trentino

3
Maltempo: la sala operativa della Protezione Civile del Trentino (foto Ufficio stampa PAT)
Maltempo: la sala operativa della Protezione Civile del Trentino (foto Ufficio stampa PAT)

Situazione finora sotto controllo del maltempo in Trentino nonostante l’intensa perturbazione che si è intensificata nel corso della notte. Rimane tuttavia l’allerta gialla. Questa mattina è stato fatto il punto nella sala operativa dei vigili del fuoco a Trento alla presenza del presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, del dirigente generale alla protezione civile Gianfranco Cesarini Sforza e dei responsabili delle strutture interessate nella gestione dell’emergenza.

I problemi comunque in regione non mancano: questa mattina si è verificata l’interruzione della ferrovia e dell’autostrada nel tratto tra Vipiteno e il Brennero in entrambe i sensi di marcia per la caduta di un elettrodotto. 

In Trentino, nelle ultime ore sono caduti mediamente tra 30 e 50 millimetri di pioggia, con punte fra 80 e 90 millimetri sui settori orientali. Permane un flusso umido e instabile, foriero di possibili rovesci questo pomeriggio, sempre sui settori ad Est. Da domani sera a martedì sera, secondo le previsioni di Meteotrentino, è attesa una nuova perturbazione con quota neve a 1200 metri (sopra i 1500 metri possibili dai 30 ai 50 centimetri di neve). Il tempo dovrebbe dare una tregua tra mercoledì e giovedì, ma venerdì potrebbe tornare la pioggia. Molte le valanghe di piccole dimensioni in quota, ma l’allerta rimane alta.

Le nevicate di stanotte sono state molto significative con 40 centimetri al Tonale, mentre al passo Rolle si registra scarso accumulo perché la neve si è trasformata in acqua. Sotto controllo anche i corsi d’acqua, con monitoraggio particolare sul fiume Brenta, ma nel frattempo si è intervenuti sulle dighe per un primo svaso dei bacini. Restano allertati e attivi sul territorio i vigili del fuoco volontari e permanenti: sono stati effettuati una cinquantina di interventi per allagamenti, taglio piante e qualche incidente stradale.

Vigili del Fuoco e Protezione civile del Trentino  rinnova la raccomandazione di controllare i camini qualora fossero coperti da neve, per assicurare lo sfogo dei fumi. Sul fronte geologico, sotto osservazione un piccolo smottamento sulla provinciale che da Centa San Nicolò scende a Caldonazzo.