ministro Sergio Costa

Maxifondo per ridurre emissioni CO2 nei Parchi nazionali

#ParchixilClima e la biodiversità: la campagna del Ministero Ambiente coinvolge i 23  parchi nazionali.

Anche i parchi alpini potranno aderire. E’ stato varato il 18 giugno il Maxifondo CO2 parchi nazionali.

Il Ministero, con le due direzioni Clima ed energia e Protezione Natura, mette a disposizione di tutti i parchi nazionali italiani ben 85 milioni di euro  per interventi di riduzione delle emissioni di CO2 e di adattamento ai cambiamenti climatici.

I parchi potranno aderire entro il 2 agosto e presentare progetti per interventi di efficienza energetica degli immobili propri e dei comuni inseriti nel perimetro del parco, impianti di piccola dimensione di produzione di energia da fonti rinnovabili, infrastrutture e servizi di mobilità sostenibile, riforestazione e rimboschimento.

“E’ un programma ambizioso che si inserisce nella mia visione, e non più soltanto sogno, di avere l’Italia Paese parco – sottolinea il ministro dell’Ambiente Sergio Costa – Da oggi con questo progetto i parchi nazionali contribuiranno attivamente alla strategia per mitigare i cambiamenti climatici. Ecco che gli impegni internazionali dell’Italia diventano progetti concreti e proprio a partire dai polmoni verdi del Paese. Sarà sempre più vantaggioso vivere in un parco, sarà sempre più piacevole farlo e più sostenibile. E’ un altro mattoncino del nostro grande progetto green”, conclude il ministro.

Tra gli interventi: opere per il contenimento del rischio di esondazione, rinaturazione delle aree costiere attraverso il ripristino delle dune, interventi per il ripristino di habitat, ecosistemi e biodiversità soprattutto nelle zone più fragili, conversione degli immobili con efficientamento energetico, acquisto di auto e motoveicoli ibridi ed elettrici per spostamenti di servizio, biciclette a pedalata assistita per gli enti parco, realizzazione di nuove piste ciclabili e aree di sosta di sharing mobility e ancora: potenziamento dei serbatoi forestali, interventi di incremento delle piantagioni e selvicolturali finalizzati alla conservazione e valorizzazione degli habitat forestali della rete Natura 2000. “Tutti i parchi sono chiamati a partecipare – conclude il ministro – mi aspetto una adesione massiccia in tutta Italia, da nord a sud”.

Fonte Ministero Ambiente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.