Meteotrentino: settembre 2016 molto più caldo e meno piovoso della norma

171

Che lo scorso settembre in Trentino sia stato un mese particolarmente caldo e poco piovoso naturalmente se ne sono accorti tutti, ma adesso la conferma ufficiale è arrivata anche da Meteotrentino che ha pubblicato l’analisi meteorologica mensile nella quale si evidenzia come il primo mese dell’autunno meteorologico (settembre, ottobre e novembre) sia stato molto più caldo e meno piovoso della norma. Le temperature sono state infatti più alte della media anche se inferiori ai record presenti nell’archivio dello stesso Meteotrentino; anche i valori di precipitazione totali sono risultati inferiori alla media.

Secondo l’analisi meteorologica a settembre 2016 le temperature sono state, salvo alcuni giorni, sistematicamente sopra la media, con la massima assoluta del mese che ha toccato i 30,8 °C il giorno 3, rimanendo tuttavia molto al di sotto del record di 35,0 °C del 18 settembre 1961. La minima assoluta del mese, pari a 11,1 °C, registrata il 23 settembre è inferiore al record di minima più elevata del 1932 (13,8°C).

Anche le precipitazioni sono state, tranne alcune eccezioni, molto inferiori alla media: in particolare si sono registrati solo 29,2 mm, valore decisamente inferiore alla media (87,6 mm) ma superiore ai soli 6,2 m dei settembre del 1964 e del 1985. I giorni di pioggia sono stati solo 4 (in media 7).

Questa situazione si è determinata grazie a un prevalere di condizioni di stabilità: in settembre l’alta pressione ha frequentemente dominato le Alpi permettendo, di fatto, un prolungamento dell’estate. Le poche infiltrazioni di aria instabile hanno determinato precipitazioni generalmente poco abbondanti e a carattere sparso e quindi, nella gran parte del territorio, i cumulati mensili sono risultati molto inferiori alla media. Le precipitazioni più diffuse si sono verificate il tra il 16 ed il 17 settembre quando una perturbazione ha interessato le Alpi; le piogge sono risultate a tratti persistenti e hanno assunto carattere tipicamente autunnale. Sui settori orientali le precipitazioni sono state più abbondanti e proprio grazie a questo evento le cumulate mensili di Cavalese e Predazzo sono risultate solo di poco inferiori ai valori medi. Nella notte tra il 20 ed il 21 settembre una cella temporalesca ha interessato la zona a nord di Trento dove la stazione di Trento Roncafort ha misurato ben 77 mm in poche ore”.