Nel 2018 prodotti mezza tonnellata di rifiuti a testa.

252
In Italia cresce la produzione di rifiuti
In Italia cresce la produzione di rifiuti

L’Ispra ha reso noto il “Rapporto rifiuti urbani 2019“, dal quale emerge una situazione di luci e ombre: in Italia si producono sempre più rifiuti urbani da gestire, con un andamento che cammina di nuovo insieme al Pil. Nel 2018 sono stati prodotti mezza tonnellata di rifiuti a testa, quasi 30,2 milioni di tonnellate a livello nazionale, dopo 6 anni sotto quota 30 milioni con un aumento del 2% rispetto al 2017. E se il conferimento in discarica scende del 6,4% e la differenziata conferma il trend di crescita, raggiungendo il 58,1% (+ 2,6%), solo 7 regioni su 20 arrivano al 65% di differenziata fissato al 2012.

Secondo il Rapporto “sono urgenti politiche di prevenzione” in un Paese “dove gli impianti, pochi e mal distribuiti, non sono al passo con le esigenze”.

In particolare al Nord sono state prodotte 14,3 milioni tonnellate di rifiuti, al Centro 6,6 e al Sud 9,2. Ma è al Centro che si è rilevata la maggiore produzione pro-capite: 548 kg per abitante (oltre 10 kg in più del 2017). In tutte le regioni – secondo Ispra – tranne Marche, Molise e Sicilia, tra il 2017 e il 2018, è cresciuta la produzione. I maggiori incrementi in Piemonte (+5,1%), Trentino Alto Adige (+ 4,5%) e Sardegna (+3,7%).

Il recupero di materia dai rifiuti rappresenta la maggiore porzione di gestione (28%), segue il conferimento in discarica (22%, quasi 6,5 milioni di tonnellate), poi ci sono trattamento biologico dell’organico (21%) e incenerimento (18%). Nel 2018 i rifiuti urbani sono stati gestiti da 646 impianti, oltre la metà dedicata all’organico (339), “il più raccolto (40,4%), – come spiega Ispra – anche se alcune regioni non hanno impianti per trattarlo”. Sulla differenziata si risolleva il Sud grazie ad un salto in avanti di Sicilia (+7,8%) e Molise (+7,7%), seguite da Calabria (+5,6) e Puglia (+5).

Il Rapporto evidenzia inoltre che tutte le frazioni d’imballaggi hanno già raggiunto gli obiettivi di riciclaggio per il 2025, ad eccezione della plastica e che sono state esportate all’estero 500 mila tonnellate di rifiuti (l’1,5% dei rifiuti urbani), mentre sono scese dell’8% le importazioni. Infine sui costi del servizio secondo il rapporto al Centro si paga di più (208,05 euro per abitante), segue il Sud con 186,26 euro, mentre al Nord è stato di 154,47 euro. A livello nazionale il costo totale medio pro-capite all’anno è cresciuto di 3,46 euro: 174,65 euro (171,19 nel 2017).