Picchio muraiolo: arrampicatore per natura

285
Picchio-muraiolo (foto Jacopo Rigotti)

Dal lungo becco ricurvo, il picchio muraiolo si arrampica sulla roccia saltellando, utilizzando anche i suoi artigli ricurvi

Il picchio muraiolo (Tichodroma muraria) qui ritratto da Jacopo Rigotti si potrebbe definire un arrampicatore nato: infatti è una specie esclusivamente montana, la cui vita è strettamente legata alle pareti rocciose, dove nidifica, cercando fessure in zone umide e all’ombra, e dove va a caccia d’insetti che cattura, tra le fenditure della roccia, grazie al suo lungo e inconfondibile becco ricurvo.

Il picchio-muraiolo (foto Jacopo Rigotti)
Il picchio-muraiolo (foto Jacopo Rigotti)

Oltre al volo, simile a quello di una grande farfalla, uno degli aspetti davvero sorprendenti di questo passeriforme, appartenente alla Famiglia dei Ticodromidi, è quando si arrampica lungo le pareti rocciose a cerca d’insetti (soprattutto ragni e larve): infatti si arrampica saltellando sulla roccia verticale, apprendo di tanto in tanto le ali arrotondate colorate di nero, rosso porpora e bianco e utilizzando anche gli artigli ricurvi delle zampe, così come si può notare nella foto in alto di Jacopo Rigotti.