Premio “Vivere a spreco zero” 2019: aperte le candidature delle buone pratiche

Presentato a Roma, nell’auditorium del Ministero dell’Ambiente il premio “Vivere a spreco zero” 2019, dedicato alle buone pratiche nella prevenzione degli sprechi alimentari. Giunto alla settima edizione, promosso, oltre che dal Ministero, dalla campagna “Spreco zero” di “Last minute market” nell’ambito del progetto “60 Sei zero”, è rivolto a imprese, amministrazioni pubbliche, scuole, associazioni e cittadini.

C’è tempo fino al prossimo 10 ottobre per candidare le buone pratiche, iscrivendole sul sito sprecozero.it. Le terne finaliste saranno rese pubbliche in occasione del World Food Day 2019, il 16 ottobre a Bologna, al Fico. La premiazione avverrà a Roma a fine novembre alla presenza dell’attore Neri Marcoré.

La giuria, presieduta dal presidente e fondatore di “Last minute market” Andrea Segré, è coordinata dal curatore del progetto “60 Sei zero” Luca Falasconi ed è composta, tra gli altri, dai giornalisti Antonio Cianciullo, Roberto Giovannini, Marco Fratoddi e Massimo Cirri.

“Il miglior spreco, come il miglior rifiuto, è quello che non si fa” – ha affermato Segré, che ha sottolineato l’importanza delle buone pratiche da individuare, adottare e veicolare per la prevenzione e riduzione degli sprechi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi