Qualità dell’aria: a novembre indice “moderato”

218
Qualità dell'aria (foto archivio Ufficio stampa Pat)
Qualità dell'aria (foto archivio Ufficio stampa Pat)

Appa Trento (Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente) ha reso noti i dati sulla qualità dell’aria di novembre 2019 che hanno evidenziato un indice di qualità dell’aria moderato (la scala dell’indice, così come illustrato nella cartella sotto, prevede cinque classi, rispettivamente buono, discreto, moderato, scadente, pessimo).

“Il giudizio di novembre – spiega l’Appa – è determinato da valori moderatamente elevati per l’inquinante PM10, il cui indice di qualità dell’aria è risultato buono per 19 giorni (media giornaliera in tutte le stazioni non superiore a 20 μg/m3), discreto per 10 giorni (media giornaliera compresa tra 20 μg/m3 e 35 μg/m3) e moderato per un solo giorno (media giornaliera compresa tra 35 μg/m3 e 50 μg/m3). 

Per quanto riguarda l’inquinante biossido di azoto, l’indice di qualità del mese di novembre è risultato discreto per tutti i 30 giorni (massimo giornaliero della media oraria compreso tra 40 μg/m3 e 100 μg/m3).

Indice di Qualità dell’Aria

Dal 2018, AppaTrento utilizza un nuovo Indice di Qualità dell’Aria, uniformando il proprio sistema di valutazione all’indice definito a livello europeo (AQI Air quality index).

In particolare sono adottati gli intervalli e i colori utilizzati per gli inquinanti PM10, biossido di azoto NO2, ozono O3 e biossido di zolfo SO2. Per il monossido di carbonio CO, che non compare nell’AQI, è stata individuata una classificazione in linea con quella degli altri inquinanti.

Il nuovo indice è caratterizzato da 5 classi, con 3 classi al di sotto dei rispettivi valori limite, e 2 al di sopra.