Rimini, condannati gli autori di un’uccisione di un lupo

35
A Rimini condannati per l'uccisione di un lupo nel 2017
A Rimini condannati per l'uccisione di un lupo nel 2017

Sono stati condannati, qualche giorno fa, dal Tribunale di Rimini i tre responsabili dell’uccisione di un lupo avvenuta a Coriano, in provincia di Rimini, nel novembre del 2017. L’animale, una volta ucciso, era stato appeso per le zampe ad una pensilina. Si tratta di una delle prime sentenze di condanna in Italia di questo tipo per la quale il Wwf, costituitisi parte civile al processo, ha espresso un plauso.

“È appena il  caso  di ricordare  – riferisce una nota dell’associane ambientalista – che  il lupo è una specie super protetta  da leggi europee, internazionali e italiane ed è l’unico predatore che possa contribuire a  riequilibrare  la presenza  di altri  animali selvatici considerati “problematici”, a cominciare dai cinghiali che rappresentano una buona percentuale nella dieta del lupo. I tre imputati  hanno  patteggiato, per cui le pene  inflitte non sono “esemplari” come ci sia aspettava. Il Wwf, che si è costituito parte civile nel processo, ritiene comunque si tratti di un ottimo esito processuale, è infatti uno dei primi casi di condanna per l’uccisione  di un lupo”.