Siccità: situazione sotto controllo in Trentino

54
IUCN: Val di Sole torrente Noce autunno Foto Archivio Servizio Fereste e Fauna PAT
IUCN: Val di Sole torrente Noce (Foto Archivio Servizio Fereste e Fauna PAT)

Le portate dei fiumi si attestano su valori medi, i bacini di soccorso sono pieni 

Per il momento nessun allarme in Trentino per la siccità, anche se la situazione viene tenuta monitorata con grande attenzione. La Protezione civile e il Servizio gestione delle risorse idriche ed energetiche della Provincia confermano che le portate dei fiumi Adige e Avisio sono su valori medi per il periodo (Adige con 120 mc/s e Avisio con 3,8 mc /s) e ben superiori ai valori minimi delle portate storiche; il Noce è molto condizionato dalla presenza della diga di S.Giustina.

Le preoccupazioni per la siccità nascono dalla scarsità di precipitazioni nevose durante l’inverno che determineranno quindi una portata d’acqua inferiore a quella degli altri anni dallo scioglimento primaverile. Inoltre, le previsioni meteo, per i prossimi giorni, non prevedono precipitazioni particolari, anche se storicamente i mesi di aprile e maggio portano spesso a fenomeni significativi. Una valutazione più precisa potrà essere fatta fra un paio di mesi, sulla base di quante piogge si saranno verificate in primavera.

Va detto, inoltre, che molti bacini di soccorso, come ad esempio quelli della Val di Non, sono attualmente pieni a causa delle forti precipitazioni di fine ottobre, primi di novembre 2018. Anche il lago artificiale di Santa Giustina presenta, attualmente, un livello medio. Non desta preoccupazione nemmeno la situazione degli acquedotti comunali.

Infine, va rilevato che l’Autorità di Distretto idrografico delle Alpi Orientali evidenzia uno stato di “severità idrica bassa”, ovvero con valori ancora riportabili a condizioni medie, ma con un trend legato all’ultimo periodo secco ed ai limitati quantitativi nivali in quota, che giustifica una particolare attenzione all’evoluzione della situazione.