Valanga in Paganella: nessun coinvolto

97
Unità cinofila in valanga (foto archivio Soccorso alpino trentino)
Unità cinofila in valanga (foto archivio Soccorso alpino trentino)

Si sono concluse poco prima delle 15 le operazioni di bonifica di una valanga che si è staccata dalla cima della Paganella appena sotto il rifugio La Roda. Il distacco nevoso, con un fronte di circa 15 metri di larghezza e 20 metri di lunghezza, è arrivato a lambire la pista che dalla cima porta al Ristorante Albi de Mez, fortunatamente senza travolgere nessuno. La chiamata al Numero Unico per le Emergenze 112 è arrivata verso le 12.15.

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino centrale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l’intervento dell’elicottero che ha trasportato in quota il Tecnico di Elisoccorso e l’unità cinofila del Soccorso Alpino per verificare che nessuna persona fosse stata travolta dalla valanga. 

Nel frattempo altre squadre del Soccorso Alpino sono accorse sul luogo per prendere parte alle operazioni di bonifica della valanga, per un totale di una ventina di soccorritori coinvolti delle Stazioni di Paganella – Avisio, Rotaliana – Bassa Val di Non, Trento – Monte Bondone, San Lorenzo in Banale e Molveno. 

In una seconda rotazione l’elicottero ha trasportato in quota una seconda unità cinofila e altri tre operatori della Stazione Valle di Non. La bonifica della valanga, alla quale hanno collaborato anche il Soccorso Piste, i Carabinieri e gli impiantisti, ha dato esito negativo: nessuna persona è stata travolta.